Live Support My forum, my way! Il forum dei newsgroup: Classica » Re: Ravel concerto in sol Bollani-Chailly
My forum, my way! Il forum dei newsgroup
Fast Uncompromising Discussions.Newsgroup FUDforum will get your users talking.

Loading
Utenti      F.A.Q.    Registrati    Login    Home
Home » Musica » Classica » Re: Ravel concerto in sol Bollani-Chailly
Re: Ravel concerto in sol Bollani-Chailly [messaggio #183727] mer, 28 marzo 2012 16:23
luziferszorn  è attualmente disconnesso luziferszorn
Messaggi: 3830
Registrato: novembre 2010
Senior Member
On 28 Mar, 15:16, etwas langsamer <etwl...@gmail.com> wrote:

> La più semplice frase, sia Bach o Ravel, può essere eseguita
> in venti modi diversi (con buona pace appunto di chi alla classica
> rinfaccia l'assenza di "margini creativi" per chi la fa).
> Il punto è: qual è la scelta giusta? Quale più vicina allo spirito
> e del compositore e della composizione (non sempre coincidono le due
> cose)? Quale scelta posso mantenere in linea con la "tradizione"
> esecutiva di quel brano? Quali margini ho per allontarmene?
>


Io mi chiederei anche che bisogno può avere un Bollani di incidere il
concerto in Sol di Ravel; credere davvero di poter dire qualcosa su
quella partitura, nel 2012, dalla sua pozione di musicista jazz è un
tantino pretenzioso. Il pianista jazz che incide il repertorio di
primo novecento che talora presenta questi sottili legami con il jazz
delle origini sa tanto di operazione commerciale; e poi è
sbagliatissima l'idea di sottolineare in senso inverso questi legami,
e non tanto l'idea che un jazzista di professione possa farlo meglio.

C'è chi narra che ABM improvvisasse stile Bill Evans, ma il concerto
in Sol prende degli stilemi jazz/blues e li sublima in qualcosa
d'altro; il processo contrario è un aborto regressivo, è come
riportate la materia allo stato grezzo partendo da un risultato finale
compiuto che poi manteniamo per onorare la partitura. Questa forma di
regressione è un processo reazionario schizofrenico che va proprio a
confliggere con quanto un "abm" di oggi potrebbe fare su quella stessa
partitura, portare avanti il discorso di ABM (o di chi volete voi).
Perché imho questa è la direzione, ossia procedere in avanti, anche
con libertà interpretative sorprendenti, ma procedere nella stessa
direzione indicata da Ravel. Sottolineare che qui e là ci passò una
ventata di "jazz", come peraltro hanno già fatto in molti (pure con
Debussy), è anche piuttosto ridicolo; e credo possa avere solo una
funzione dimostrativa in ambito didattico.

lq
Argomento precedente:Re: (PERVERSIONE) Kindle, spartiti e partiture...
Argomento successivo:Re: Ravel concerto in sol Bollani-Chailly
Vai al forum:
  


Ora corrente: mar dic 12 09:28:14 CET 2017

Tempo totale richiesto per generare la pagina: 0.00668 secondi
.:: Contatti :: Home ::.

Powered by: FUDforum 3.0.2.
Copyright ©2001-2010 FUDforum Bulletin Board Software

Live Support