Live Support My forum, my way! Il forum dei newsgroup: Film » Romanzo di una strage
My forum, my way! Il forum dei newsgroup
Fast Uncompromising Discussions.Newsgroup FUDforum will get your users talking.

Loading
Utenti      F.A.Q.    Registrati    Login    Home
Home » Cinema » Film » Romanzo di una strage
Romanzo di una strage [messaggio #185511] mar, 10 aprile 2012 01:01 Messaggio successivo
Once Upon a Time in I  è attualmente disconnesso Once Upon a Time in I
Messaggi: 292
Registrato: novembre 2010
Senior Member
Ricostruzione romanzata della strage di Piazza Fontana del 12 dicembre
1969, da parte del regista Marco Tullio Giordana.
"Romanzata" in particolar modo per quanto riguarda i rapporti tra i
due protagonsiti principali: l'anarchico Pinelli e il commissario
Calabresi (intrepretati ottimamente da Francesco Savino e Valerio
Mastandrea). Perché l'impressione fortissima è che invece sia stata
fatta una ricostruzione molto precisa, quasi da film-inchiesta.

Giordana mette molta cura in tutti i particolari, con un grande lavoro
soprattutto sugli attori di contorno che, tra l'altro, risultano molto
somiglianti fisicamente ai personaggi reali (i vari Moro, Saragat,
Rumor, Giannettini, Freda, Ventura, ecc.), ma anche con molta
attenzione nel dosare i vari elementi in gioco.
Ne esce un film vibrante e compatto, nonostante la divisione in
capitoli (scelta dovuta alla complessità della questione e ai
molteplici episodi e personaggi) che non determina nessuno
spezzettamento o caduta di ritmo.
Alcune sequenze, veramente forti, sono girate in maniera impeccabile,
da manuale del cinema, come la scena preparatoria dell'attentato, dal
punto di vista del tassista Rolandi (l'accusatore di Valpreda) e
quella successiva dell'esplosione, con suspense, tensione e sgomento
tutte calibrate perfettamente, tanto che credo sia particolarmente
difficile, per chi abbia avuto la sfortuna di vivere da vicino questi
eventi, evitare la commozione.

Invece, qualche perplessità forse la suscita un'eccessiva indulgenza
nel ritrarre un Aldo Moro, quasi preveggente del suo futuro martirio
e, in parte, un commissario Calabresi, talmente integerrimo e
rispettoso delle regole da risultare, a tratti, quasi come fosse stato
un corpo estraneo alla polizia. Certo che, al di là del fatto che il
mio giudizio possa essere comunque e in parte condizionato da un
retaggio politico passato di estrema sinistra, in ogni caso, anche se
non era fisicamente presente nella stanza quando Pinelli è volato
dalla finestra, è stato comunque per volontà di Calabresi che Pinelli,
è rimasto lì, in quella stanza della questura, per 72 ore, senza
mangiare, nè dormire, e una qualche responsabilità, magari indiretta,
ci sarà pure stata da parte del commissario.

Nel finale viene pure formulata una teoria insolita (quella della
presenza di due bombe nella Banca dell'Agricoltura), buttata lì un po'
sbrigativamente, che non mi risulta sia mai stata suffragata dalla
benchè minima prova, ma che comunque non inficia il valore complessivo
della pellicola.

Merito assoluto del film è peraltro quello di riuscire a far rivivere
in parte quegli anni e, forse, a tenere ancora in vita una fiammella
di speranza sulla possibilità di far luce su quei tragici eventi che
tanto hanno segnato, nel suo proseguimento, la storia della nostra
repubblica, dato che in questo paese senza memoria, occorre davvero
poter sempre riscriverla la storia, per non dover dimenticare mai.

Michele
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185522 è una risposta a message #185511] mar, 10 aprile 2012 07:40 Messaggio precedenteMessaggio successivo
mrwhitecondom  è attualmente disconnesso mrwhitecondom
Messaggi: 32
Registrato: novembre 2010
Member
Once Upon a Time in IACine <michele_libero@libero.it> wrote:

> Nel finale viene pure formulata una teoria insolita (quella della
> presenza di due bombe nella Banca dell'Agricoltura), buttata lì un po'
> sbrigativamente, che non mi risulta sia mai stata suffragata dalla
> benchè minima prova,

sul punto segnalo una querelle tra cucchiarelli (dal cui libro giordana
ha liberamente tratto il film, ed in particolare la teoria del
raddoppio), e adriano sofri, "osservatore privilegiato" di quegli anni,
che aveva affrontato la questione in "la notte che pinelli", e ora
approfondisce con "43 anni" (www.43anni.it).




--
"i was high, but she was the sky"
use the condom. remove it to reply.
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185543 è una risposta a message #185511] mar, 10 aprile 2012 09:51 Messaggio precedenteMessaggio successivo
noquarter  è attualmente disconnesso noquarter
Messaggi: 384
Registrato: gennaio 2011
Senior Member
Once Upon a Time in IACine ha scritto:

...
> Perché l'impressione fortissima è che invece sia stata
> fatta una ricostruzione molto precisa, quasi da film-inchiesta.

> Giordana mette molta cura in tutti i particolari,

tutto quotabilissimo

> Invece, qualche perplessità forse la suscita un'eccessiva indulgenza
> nel ritrarre un Aldo Moro, quasi preveggente del suo futuro martirio

icona ormai standard, nonostante l'uscita del "seppellire come il gatto fa
con i propri escrementi"

> e, in parte, un commissario Calabresi, talmente integerrimo e
> rispettoso delle regole da risultare, a tratti, quasi come fosse stato
> un corpo estraneo alla polizia.

in quegli anni (e non solo, v cronaca di questi anni) gli interrogatori
non credo fossero poco dissimili da quelli di abu ghraib

> Merito assoluto del film è peraltro quello di riuscire a far rivivere
> in parte quegli anni e, forse, a tenere ancora in vita una fiammella
> di speranza sulla possibilità di far luce su quei tragici eventi che

sconsolante impressione opposta, soprattutto dai titoli di coda con la
nota delle "assoluzioni"


> per non dover dimenticare mai.

soprattutto





--

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad abuse@newsland.it
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185544 è una risposta a message #185522] mar, 10 aprile 2012 10:36 Messaggio precedenteMessaggio successivo
Nick Molise  è attualmente disconnesso Nick Molise
Messaggi: 41
Registrato: febbraio 2012
Member
"carlomrwhite" <mrwhitecondom@tiscali.it> ha scritto nel messaggio
news:1kibrqt.1b3aeibybgtsmN%mrwhitecondom@tiscali.it...
> Once Upon a Time in IACine <michele_libero@libero.it> wrote:
>
>> Nel finale viene pure formulata una teoria insolita (quella della
>> presenza di due bombe nella Banca dell'Agricoltura), buttata lì un po'
>> sbrigativamente, che non mi risulta sia mai stata suffragata dalla
>> benchè minima prova,
>
> sul punto segnalo una querelle tra cucchiarelli (dal cui libro giordana
> ha liberamente tratto il film, ed in particolare la teoria del
> raddoppio), e adriano sofri, "osservatore privilegiato" di quegli anni,
> che aveva affrontato la questione in "la notte che pinelli", e ora
> approfondisce con "43 anni" (www.43anni.it).

In effetti l'intento di "43 anni" è proprio quello di smentire le fole del
libro di Cucchiarelli e - molto indirettamente - quelle tesi che vengono
sussunte anche nel film di Giordana. Molto indirettamente perchè il film
rifiuta gli assunti principali del libro (se ne discosta soprattutto su
Pinelli, riconoscendolo di fatto completametne estraneo ai fatti). Ma stando
almeno al pamphlet di Sofri, il libro di Cucchiarelli fa continuo
riferimento a fonti anonime e non verificabili, e monta ipotesi su altre
ipotesi. Una ricostruzione "complottistica" insomma, in cui tutti sono
coinvolti e tutti in parte responsabili di qualcosa. Lo stesso Giordana ha
preso le distanze dal libro, difendendosi col fatto che gli sceneggiatori
hanno fatto lavoro di sintesi tra varie ricostruzioni, e sono stati comprati
i diritti solo di Cucchiarelli solo per motivi di produzione.

Il film ben restituisce il quadro livido di quei fatti, e credo colpisca nel
segno (non c'ero, un po' ne ho letto). I punti più criticabili forse sono
proprio quelle scene più arbitrarie, i dialoghi tra Moro e Saragat, oppure
gli stessi incontri tra Pinelli e Calabresi (come quello nella libreria
Feltrinelli): momenti simbolici, idealizzati che rischiano di rimanere pura
didascalia.
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185549 è una risposta a message #185543] mar, 10 aprile 2012 11:27 Messaggio precedenteMessaggio successivo
Once Upon a Time in I  è attualmente disconnesso Once Upon a Time in I
Messaggi: 292
Registrato: novembre 2010
Senior Member
On 10 Apr, 09:51, noquar...@despammed.com (noquarter) wrote:
> Once Upon a Time in IACine ha scritto:
>
>
> > Invece, qualche perplessità forse la suscita un'eccessiva indulgenza
> > nel ritrarre un Aldo Moro, quasi preveggente del suo futuro martirio
>
> icona ormai standard, nonostante l'uscita del "seppellire come il gatto fa
> con i propri escrementi"

Già, oltrettutto una frase piuttosto "insolita", in bocca a quel
personaggio...


> in quegli anni (e non solo, v cronaca di questi anni) gli interrogatori
> non credo fossero poco dissimili da quelli di abu ghraib

Ebbé, è stata la prima cosa che ho pensato... mancava solo che si
facessero gli inchini e il baciamano


> > Merito assoluto del film è peraltro quello di riuscire a far rivivere
> > in parte quegli anni e, forse, a tenere ancora in vita una fiammella
> > di speranza sulla possibilità di far luce su quei tragici eventi che
>
> sconsolante impressione opposta, soprattutto dai titoli di coda con la
> nota delle "assoluzioni"

Certo ;-(
Però far rivivere la storia, ridiscuterne è sempre positivo. Non si sa
mai, magari in punto di morte, chissà, qualcuno che sa parla. E' una
flebile speranza, che però non costa niente.

Michele
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185550 è una risposta a message #185544] mar, 10 aprile 2012 11:42 Messaggio precedenteMessaggio successivo
Once Upon a Time in I  è attualmente disconnesso Once Upon a Time in I
Messaggi: 292
Registrato: novembre 2010
Senior Member
On 10 Apr, 10:36, "Nick Molise" <nmol...@tiscali.it> wrote:
>
> Il film ben restituisce il quadro livido di quei fatti, e credo colpisca nel
> segno (non c'ero, un po' ne ho letto).

Io ero piccolo, ma l'eco di quei fatti si è propagata per molti anni,
specialmente durante la mia adolescenza, quando cominci a farti delle
idee più o meno tue. E non posso negare che non abbia influenzato la
mia formazione.


> I punti più criticabili forse sono
> proprio quelle scene più arbitrarie, i dialoghi tra Moro e Saragat, oppure
> gli stessi incontri tra Pinelli e Calabresi (come quello nella libreria
> Feltrinelli): momenti simbolici, idealizzati che rischiano di rimanere pura
> didascalia.

Condivido.
Diciamo che questa è la parte più romanzata, si poteva in parte
evitare, specialmente alcuni dialoghi tra Saragat e Moro.
Credo comunque che Giordana abbia voluto evidenziare il totale filo-
americanismo di Saragat, a cui faceva da contraltare Moro. In questo è
significativa la sottolineatura dell'intervento di condanna del golpe
in Grecia, fatto a Parigi da Moro. Certo la scena è giustificata dalla
contemporaneità con l'attentato a Piazza Fontana, ma non era
asolutamente indispensabile all'economia del film. Secondo me Giordana
ha voluto metterla in risalto apposta.

Michele
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185588 è una risposta a message #185511] mar, 10 aprile 2012 12:56 Messaggio precedenteMessaggio successivo
ema^  è attualmente disconnesso ema^
Messaggi: 166
Registrato: settembre 2007
Senior Member
Il 10/04/2012 1.01, Once Upon a Time in IACine ha scritto:

quoto sostanzialmente quasi tutta la rece

> Invece, qualche perplessità forse la suscita un'eccessiva indulgenza
> nel ritrarre un Aldo Moro, quasi preveggente del suo futuro martirio

forse questo ce lo proiettiamo noi che "sappiamo"
Moro aveva sempre un'aria così sofferente (me lo ricordo da piccolo
quando lo vedevo in TV)

Moro non è un santo in questo film
sembra il più intelligente, quello che capisce tutto, quello che fa di
tutto (e ci riesce) per evitare che si sospendano le libertà
fondamentali e venga proclamato lo stato di emergenza, ma se capisce o
intuisce le trame losche dei servizi deviati, si guarda molto bene anche
dal denunciarle, per "ragion di stato"

> e, in parte, un commissario Calabresi, talmente integerrimo e
> rispettoso delle regole da risultare, a tratti, quasi come fosse stato
> un corpo estraneo alla polizia.

questo però lo raccontano anche dei testimoni
lo stesso Giordana interrogato da Calabresi perché occupava il liceo
Berchet lo ricorda così


sulla doppia bomba ci ho scritto un post a parte
anche perché non avevo ancora visto questo, se no mi sarei attaccato qui
in sostanza io credo che non sia la tesi del film, ma la tesi di un
personaggio del film, anzi, quello che un personaggio racconta a un
altro personaggio
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185590 è una risposta a message #185588] mar, 10 aprile 2012 13:35 Messaggio precedenteMessaggio successivo
Once Upon a Time in I  è attualmente disconnesso Once Upon a Time in I
Messaggi: 292
Registrato: novembre 2010
Senior Member
On 10 Apr, 12:56, il cuggino di nico <a...@b.c> wrote:
> Il 10/04/2012 1.01, Once Upon a Time in IACine ha scritto:
>
>
> Moro non è un santo in questo film

No, però è quello che ne esce meglio, e non di poco. Sta a milioni di
km sopra gli altri

> ma se capisce o
> intuisce le trame losche dei servizi deviati, si guarda molto bene anche
> dal denunciarle, per "ragion di stato"

Il che, dato il suo ruolo e il cruciale momento storico-politico,
sembra dare ampia giustificazione al suo agire (o meglio non-agire)


> > e, in parte, un commissario Calabresi, talmente integerrimo e
> > rispettoso delle regole da risultare, a tratti, quasi come fosse stato
> > un corpo estraneo alla polizia.
>
> questo però lo raccontano anche dei testimoni
> lo stesso Giordana interrogato da Calabresi perché occupava il liceo
> Berchet lo ricorda così

Non lo metto in dubbio. Era una persona intelligente, abbastanza
colta, laureato (e all'epoca non credo che ce ne fossero tanti), però
rimane sempre un poliziotto. Qui ne viene fuori un santino. Per
carità, è anche vero per gli intenti del film era inutile e forse
anche controproducente infierire sulla sua figura. E' stato anche lui,
purtroppo, una vittima di questa brutta storia e, se forse non era del
tutto innocente, la lista di colpevoli con responsabilità molto più
grandi della sua era (ed è ancora) piuttosto lunga. Assolutamente
ingiusto il prezzo che ha pagato sia lui che i suoi familiari, su
questo non c'è nessuna ombra di dubbio.

>
> sulla doppia bomba ci ho scritto un post a parte
> anche perché non avevo ancora visto questo, se no mi sarei attaccato qui
> in sostanza io credo che non sia la tesi del film, ma la tesi di un
> personaggio del film, anzi, quello che un personaggio racconta a un
> altro personaggio

Concordo.
Infatti anch'io non gli ho dato un gran peso in ciò che ho scritto del
film. Non capisco tutta questa querelle avviata da Sofri (di cui, mi
spiace, ma non ho nutrito mai tantissima simpatia, neppure q
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185591 è una risposta a message #185590] mar, 10 aprile 2012 13:51 Messaggio precedenteMessaggio successivo
Once Upon a Time in I  è attualmente disconnesso Once Upon a Time in I
Messaggi: 292
Registrato: novembre 2010
Senior Member
On 10 Apr, 13:35, Once Upon a Time in IACine
<michele_lib...@libero.it> wrote:

Scusate mi è partito il post prima di finire.
Cncludo


Concordo.
Infatti anch'io non gli ho dato un gran peso in ciò che ho scritto del
film. Non capisco tutta questa querelle avviata da Sofri (di cui, mi
spiace, ma non ho nutrito mai tantissima simpatia, neppure quando
leggevo Lotta Continua). Oltrettutto, più che un "osservatore
privilegiato" come sottolineava Mrwhite, mi sembra che sia
volontariamente o meno, parte in causa di questa vicenda, pertanto
avrei preferito si tenesse in disparte. Rischia di dare un'idea
fuorviante del film che invece ha ben altri meriti.

Michele
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185655 è una risposta a message #185549] mar, 10 aprile 2012 16:45 Messaggio precedenteMessaggio successivo
a1  è attualmente disconnesso a1
Messaggi: 54
Registrato: novembre 2010
Member
> Però far rivivere la storia, ridiscuterne è sempre positivo. Non si sa
> mai, magari in punto di morte, chissà, qualcuno che sa parla. E' una
> flebile speranza, che però non costa niente.

Mai successo. Mai. E mai succederà. Solo nei film alla Spygame ci si può
attendere qualche evento imprevedibile.
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185658 è una risposta a message #185655] mar, 10 aprile 2012 17:34 Messaggio precedenteMessaggio successivo
Once Upon a Time in I  è attualmente disconnesso Once Upon a Time in I
Messaggi: 292
Registrato: novembre 2010
Senior Member
On 10 Apr, 16:45, a...@mailinator.com wrote:
> > Però far rivivere la storia, ridiscuterne è sempre positivo. Non si sa
> > mai, magari in punto di morte, chissà, qualcuno che sa parla. E' una
> > flebile speranza, che però non costa niente.
>
> Mai successo. Mai. E mai succederà. Solo nei film alla Spygame ci si può
> attendere qualche evento imprevedibile.

Beh, Genova ha appena denunciato le violenze comminate, da lui stesso
e dai suoi colleghi poliziotti durante gli interrogatori, ai
brigatisti del caso Dozier.
Gola profonda rivelò la sua identità prima di morire (era il vice
direttore dell'FBI).
Per dire i primi due che mi vengono in mente

Michele
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185692 è una risposta a message #185658] mar, 10 aprile 2012 19:01 Messaggio precedenteMessaggio successivo
a1  è attualmente disconnesso a1
Messaggi: 54
Registrato: novembre 2010
Member
> Beh, Genova ha appena denunciato le violenze comminate, da lui stesso
> e dai suoi colleghi poliziotti durante gli interrogatori, ai
> brigatisti del caso Dozier.

Quali rivelazioni ha fatto? Niente che già non si sapesse o nons i
sospettasse.

> Gola profonda rivelò la sua identità prima di morire (era il vice
> direttore dell'FBI).

Rivelò la sua identità ma non tutta la verità. Fu congiura di palazzo (e
che palazzo) ma quello scandalo è ben lontano dall'essere compreso.
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185694 è una risposta a message #185692] mar, 10 aprile 2012 19:13 Messaggio precedenteMessaggio successivo
Once Upon a Time in I  è attualmente disconnesso Once Upon a Time in I
Messaggi: 292
Registrato: novembre 2010
Senior Member
On 10 Apr, 19:01, a...@mailinator.com wrote:
> > Beh, Genova ha appena denunciato le violenze comminate, da lui stesso
> > e dai suoi colleghi poliziotti durante gli interrogatori, ai
> > brigatisti del caso Dozier.
>
> Quali rivelazioni ha fatto? Niente che già non si sapesse o nons i
> sospettasse.

Anche per Piazza Fontana si sa o si sospetta, mancano solo le prove.
Tu hai detto che MAI, non è MAI successo.
Io dico che è molto difficile, ma non impossibile, dato che è già
successo, come negli esempi che ho fatto.

>
> > Gola profonda rivelò la sua identità prima di morire (era il vice
> > direttore dell'FBI).
>
> Rivelò la sua identità ma non tutta la verità.

E allora?
Qualcosa ha rivelato.
Tu hai detto MAI, ripeto MAI.

Pensa prima di scrivere, la prossima volta.

Michele
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185696 è una risposta a message #185590] mar, 10 aprile 2012 19:16 Messaggio precedenteMessaggio successivo
endrix  è attualmente disconnesso endrix
Messaggi: 220
Registrato: novembre 2010
Senior Member
Once Upon a Time in IACine wrote:

Qui ne viene fuori un santino.

pi che altro secondo me la forzatura di giordana non sta tanto nel
delineare in calabresi una figura di poliziotto integerrimo e ligio al
rispetto delle regole (cosa che magari pu anche avere avuto un riscontro
nella realt), ma piuttosto nel caricare sul personaggio anche un'immagine
di funzionario "scomodo", quello che scopre piste occulte, che viene
ostacolato nella sua ricerca della verit, al punto che addirittura la sua
esecuzione parrebbe quasi essere attribuita, per come costruito il
racconto, non all'estremismo rosso, ma a qualche trama dei servizi deviati:
questo oggettivamente fa molto film-inchiesta americano, ma mi pare
destituito di qualunque fondamento storico...


--
UFV: Romanzo di una strage / The raven / I colori della passione / Il mio
migliore incubo / L'altra faccia del diavolo / La verit nascosta / The
double / Take me home tonight / Ghost rider-Spirito di vendetta / Hysteria /
Safe house / Viaggio nell'isola misteriosa / Quasi amici / Knockout / Jack e
Jill / The woman in black
Re: Romanzo di una strage [messaggio #185972 è una risposta a message #185696] mer, 11 aprile 2012 12:12 Messaggio precedenteMessaggio successivo
Once Upon a Time in I  è attualmente disconnesso Once Upon a Time in I
Messaggi: 292
Registrato: novembre 2010
Senior Member
On 10 Apr, 19:16, "endrix" <end...@iaciners.org> wrote:
>
> più che altro secondo me la forzatura di giordana non sta tanto nel
> delineare in calabresi una figura di poliziotto integerrimo e ligio al
> rispetto delle regole (cosa che magari può anche avere avuto un riscontro
> nella realtà), ma piuttosto nel caricare sul personaggio anche un'immagine
> di funzionario "scomodo", quello che scopre piste occulte, che viene
> ostacolato nella sua ricerca della verità, al punto che addirittura la sua
> esecuzione parrebbe quasi essere attribuita, per come è costruito il
> racconto, non all'estremismo rosso, ma a qualche trama dei servizi deviati:
> questo oggettivamente fa molto film-inchiesta americano, ma mi pare
> destituito di qualunque fondamento storico...

Uhmmm... ma, secondo me Giordana non prende una posizione precisa su
Calabresi, non menziona, se non di sfuggita, Lotta Continua, ma
neanche indirizza lo spettatore su chissà quali altre oscure trame
(l'ipotetica ricostruzione con le due bombe, fatta dal prefetto a
Calabresi, è più su un piano molto amichevole, non suona come una
messa in guardia) che potrebbero stare dietro al suo omicidio. La
storia delle due bombe sembra più un tentativo di spiegazione della
strage, piuttosto che dell'omicidio di Calabresi.
Secondo me, l'unica verità è che Calabresi rimase solo, fu volutamente
isolato e alla fine servì da capro espiatorio, in una sorta di triste
pareggio dei conti con l'estrema sinistra per la fine di Pinelli.

Michele
Re: Romanzo di una strage [messaggio #186208 è una risposta a message #185694] gio, 12 aprile 2012 02:39 Messaggio precedente
susanna  è attualmente disconnesso susanna
Messaggi: 309
Registrato: novembre 2010
Senior Member
"Once Upon a Time in IACine" ha scritto nel messaggio

<omissis>

Non so se lo andro' a vedere, queste operazioni di solito mi imbarazzano, la
vicenda di Pinelli, poi, e' tristissima anche per il rapporto che
*preesisteva* tra Pinelli e Calabresi (viene descritto, nel film?)

Ti chiedo, quindi: il film accenna alla famosa sentenza dell'eroe di Mani
Pulite Gerardo D'Ambrosio, che sostenne come 'malore attivo' la causa della
morte di Pinelli?


susanna
Argomento precedente:sto guardando The Fighter su Sky per ammazzare il tempo...
Argomento successivo:WAR HORSE
Vai al forum:
  


Ora corrente: gio dic 14 20:06:07 CET 2017

Tempo totale richiesto per generare la pagina: 0.00595 secondi
.:: Contatti :: Home ::.

Powered by: FUDforum 3.0.2.
Copyright ©2001-2010 FUDforum Bulletin Board Software

Live Support